Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Illuminazione pubblica efficiente, i kit di Reverberi per Roma Capitale

Il kit Reverberi di telegestione per la pubblica illuminazione consente il controllo a distanza degli impianti di illuminazione pubblica, riducendo tempi e costi di gestione.

Reverberi Enetec ha fornito circa 1.400 kit di telegestione-quadro per gli impianti di illuminazione pubblica di Roma Capitale.

I kit forniti si basano su tecnologie di vario tipo, alcune delle quali create appositamente per ACEA, e pensate e realizzate per integrarsi all’interno dei quadri di distribuzione esistenti.

In alcuni casi sono stati sostituiti quadri obsoleti con altri di nuova realizzazione o utilizzati cavi e connettori di vecchi sistemi di telecontrollo: collegando i connettori esistenti ai dispositivi Reverberi, si è potuto eseguire il retrofit tecnologico con costi più contenuti.

Il KIT di telegestione per la pubblica illuminazione consente il controllo a distanza degli impianti di illuminazione pubblica, riducendo tempi e costi di gestione.

E' disponibile in versione "a giorno", sotto forma di apparecchiature posizionate su barra DIN, oppure in scatole di ridotte dimensioni per l'installazione all'esterno dell'armadio del quadro di comando. E' personalizzabile per ogni utenza poiché, in funzione del tipo di telegestione che si desidera, può essere composto con i moduli necessari.

I prodotti Reverberi Enetec forniti per la città di Roma consentono l’accensione degli impianti in backup con l’orologio astronomico in caso di avaria del crepuscolare, l’invio di allarmi per interruttori scattati, eventuali intrusioni e malfunzionamenti, nonché l'analisi puntuale dei consumi energetici.

Permettono inoltre la diagnosi in tempo reale di eventuali problemi sull’impianto di illuminazione pubblica, così come l’esecuzione di accensioni e spegnimenti tramite tablet o cellulare (funzione utilizzata anche da Piero Angela per l'illuminazione artistica della Fontana di Trevi, in occasione della giornata della Terra 2016) permettendo una sostanziosa riduzione dei costi di manutenzione degli impianti.