Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Come la tecnologia blockchain può rivoluzionare anche il settore energetico

Un boom di start-up che permettono lo scambio di elettricità tra privati. Grazie alla tecnologia blockchain si sta sviluppando un mercato peer-to-peer in cui ogni device può acquistare e vendere energia automaticamente, senza l’intermediazione di operatori centralizzati.

La tecnologia, si sa, corre molto più veloce della politica e questo è particolarmente vero in Europa: mentre la Commissione Europea si sta ancora chiedendo se puntare di più sulle energie rinnovabili (vedi QualEnergia.it), nel resto del mondo si stanno sperimentando nuovi sistemi che promettono di rivoluzionare l’intero settore energetico.

Stiamo parlando della possibilità di effettuare scambi di energia direttamente tra privati, senza l’intermediazione di operatori centralizzati.

Questo scambio è reso possibile grazie alla tecnologia blockchain, un registro pubblico e condiviso, costituito da una serie di “nodi”, che si aggiorna automaticamente su ciascuno dei nodi che partecipano alla rete. 

Tutte le operazioni effettuate con questo sistema sono confermate dai singoli nodi attraverso software di crittografia che verificano un pacchetto di dati definiti a chiave privata, utilizzato per firmare e controllare le transazioni.

Il sistema garantisce così l'identità digitale di chi ha autorizzato gli scambi, senza l’intervento di nessuna autorità centrale: il controllo viene effettuato automaticamente da tutti i nodi della catena (blockchain) e questo meccanismo, in teoria, rende impossibile contraffare una transazione o modificarne una già avvenuta.

Ogni cambiamento nella catena deve ricevere l’approvazione del 51% della potenza di calcolo di tutta la blockchain e se un singolo attore decidesse di modificare una transazione del database, la catena si romperebbe, perché verrebbe a mancare il consenso tra i nodi.

La blockchain, la cui caratteristica principale è quella di eliminare ogni intermediazione, sta già rivoluzionando il mondo finanziario e assicurativo, ma le sue applicazioni si estendono anche ad altri settori tra cui quello energetico.

Secondo il report “Blockchain: Putting Theory into Practice” (vedi allegato in basso), pubblicato di recente da Goldman Sachs, tra i 5 possibili usi concreti della tecnologia c’è appunto quello di offrire a tutti la possibilità di vendere energia.

Nel settore energetico l’integrazione tra l’Internet of Things e il sistema blockchain può abilitare un mercato peer-to-peer in cui le apparecchiature possono acquistare e vendere energia automaticamente, in base ai criteri definiti dall’utente.

In futuro, quindi, invece che avere fornitori centralizzati che trasmettono elettricità ad ogni utente, potremmo immaginare un network distribuito che consente alle persone di generare loro stesse energia da vendere sulla rete, attraverso un sistema che garantisce scambi sicuri e trasparenti. Il valore di questo mercato è stimato tra i 2,5 e i 7 miliardi di dollari.

L’esperimento più famoso di applicazione della tecnologia blockchain al settore energetico è quello realizzato a Brooklyn da LO3 Energy che insieme a Consensus System ha creato una piattaforma di trading locale dell’energia, TransActive Grid, che ha permesso la condivisione di energia elettrica tra gli abitanti del quartiere (vedi QualEnergia.it).

LO3 Energy è anche coinvolta nel progetto Brooklyn Microgrid che aiuta i quartieri a gestire l’energia in modo più efficiente. I primi test di transazioni peer-to-peer tra vicini sono stati effettuati con successo lo scorso aprile e hanno attirato l'attenzione di Siemens Siemens che ha annunciato di recente una partership con LO3 Energy per estendere l’esperimento a tutti gli Stati Uniti.

L’Integrazione della piattaforma TransActive Grid con i Siemens Digital Grid permetterà ai gestori dei sistemi fotovoltaici di inviare al microgrid l’energia prodotta in eccesso dai pannelli (e non consumata), per poterla redistribuire e vendere ai vicini attraverso smart contracts. In cambio, i proprietari dei pannelli riceveranno un compenso economico con una soluzione di Smart Home  una soluzione di Smart Home direttamente legata alla produzione e al consumo di energia.

Anche in Olanda è nato un sistema simile a quello di Brooklyn chiamato EcoCoin, gestito da Linux Foundation, mentre in Australia ha preso piede PowerLedger, start-up che ha organizzato una rete che permette ad alcune abitazioni del paese di Busselton di scambiarsi elettricità massimizzando l'utilizzo dell'energia solare raccolta dai moduli FV.

La blockchain di PowerLedger riconosce automaticamente il proprietario di una fonte energetica e gestisce, senza bisogno dell'intervento umano, molteplici accordi di scambio energetico tra i consumatori, che possono rivendere elettricità o comprarla in autonomia, senza dover sottostare ai prezzi di mercato imposti dalle grandi società.

Ma il numero di start-up che stanno sviluppando soluzioni blockchain per il settore energetico è in crescita: esempi come Grid Singularity, SolarCoin, Bankymoon (che in Sud Africa ha creato una rete di contatori intelligenti per ovviare alla crisi delle utility), hanno iniziato a combinare la tecnologia con i sistemi di smart metering, creando prodotti e servizi innovativi che si integrano perfettamente con le nostre abitudini quotidiane.

La compagnia energetica finlandese Fortum offre, ad esempio, soluzioni basate su tecnologia blockchain che permettono ai consumatori di controllare i vari apparecchi presenti in casa collegati ad Internet: con un semplice display si possono visualizzare in tempo reale i consumi elettrici della propria abitazione, ottimizzandoli in modo automatico.

La maggior parte di queste start-up utilizza Etherum, una della piattaforme più famose con una propria criptovaluta (Ether), sullo stile di Bitcoin, che permette l’esecuzione di smart contracts (piccoli programmi che incorporano una logica di business).

La direzione tracciata da tutte queste esperienze è chiara: il sistema elettrico potrebbe diventare un gigantesco network composto da milioni di microreti che interagiscono l'una con l'altra, reagendo automaticamente alla sovrabbondanza di elettricità o al fabbisogno energetico di un'abitazione.

Una vera rivoluzione cui le aziende stanno guardando con attenzione: secondo un recente studio (vedi allegato in basso) condotto da DENA (Deutsche Energie-Agentur, l’agenzia tedesca per il mercato energetico), il 39% dei dirigenti di aziende che operano nel settore energetico tedesco sostiene che la propria azienda ha intenzione di implementare le blockchain nell’immediato futuro.

A casa nostra Enel ha rivisto di recente il suo piano industriale al 2019 aumentando gli investimenti per la digitalizzazione e integrazione delle reti di distribuzione con gli impianti di produzione, i sistemi di accumulo, gli impianti fotovoltaici domestici e il sistema di ricarica delle auto elettriche. L’idea, annunciata dall’AD di Enel Francesco Starace, è quella di creare “una gigantesca smart grid, per utilizzare la quale entreranno in gioco tecnologie come Big Data e blockchain”.

I seguenti documenti sono riservati agli abbonati a QualEnergia.it PRO:   

Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati subito a QualEnergia.it PRO