Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Furti di pannelli fotovoltaici: i rischi e le soluzioni

In Italia non ci sono statistiche precise sui furti di moduli fotovoltaici, ma sappiamo che la dimensione del problema è significativa. Quali impianti sono più a rischio, quali sistemi di sicurezza possono essere più adatti e come tutelarsi con specifiche assicurazioni? QualEnergia.it ne parla con alcuni operatori.

È notte fonda, la zona è isolata, lontana da strade asfaltate e centri abitati. Gli uomini vestiti di nero parcheggiano un furgone in una via laterale, saltano la rete e si nascondono fra i cespugli.

Passa un quarto d’ora ed ecco apparire l’auto dei vigilantes: le guardie controllano il perimetro, non trovano nulla di insolito, mormorano fra loro “Il solito falso allarme” e se ne vanno.

Allora l’autista del camioncino avvicina il mezzo alla recinzione, mentre gli uomini  all’interno cominciano freneticamente il loro lavoro di smontaggio. Ammucchiano la refurtiva vicino alla rete, nel punto più prossimo al camion e quando ne hanno raccolta abbastanza, tagliano la recinzione.

In pochi minuti caricano il furgone e scappano via per la campagna, evitando di poco l’auto dei vigilantes, richiamata di nuovo sul posto dal secondo allarme: ma stavolta non possono far altro che constatare il furto ...

Questo contenuto è riservato agli Abbonati a QualEnergia.it PRO
Seleziona una delle due seguenti opzioni:
Già abbonato a QualEnergia.it PRO?
Accedi subito a questo contenuto.
NON sei abbonato?
Prova gratis il servizio per 10 giorni o abbonati.
QualEnergia PRO





Commenti

Security campi fotovoltaici, furto moduli

Dalla dinamica descritta sembra evidente una lacuna metodologica nella gestione della security.
Nei campi f. v. oltre al furto dei moduli abbiamo il problema della asportazione di intere dorsali di cavi in rame, sono fenomeni che con le attuali tecnologie da alcuni anni riusciamo a controllare efficacemente riducendo drasticamente l'entità dei danni ed il fermo impianti.
E' opportuno ricordare però che al primo posto viene la sicurezza delle guardie giurate, che operano in condizioni ambientali molto critiche.
Prima di mandarle sul campo occorre verificare la fondatezza dell'alert
controllando sul video cosa ha provocato l'allarme, così da avere un minimo di cognizione sullo stato dei luoghi.

giovannialbi@tiscali.it