Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Le tecniche di coltivazione per ridurre CO2, un progetto ENEA

Per ridurre l'impatto delle tecniche di coltivazione sull'ambiente il progetto AGRICARE propone due tecniche innovative: l’agricoltura di precisione e le pratiche di coltivazione conservativa. I benefici saranno calcolabili con un software sviluppato dall'ENEA.

Introdurre in agricoltura tecniche più green di coltivazione per proteggere il suolo e ridurre i consumi energetici e le emissioni climalteranti delle aziende agricole. È questo l'obiettivo del progetto AGRICARE - Introducing innovative precision farming techniques in AGRIculture to decrease CARbon Emissions - presentato dall'ENEA durante 'Fieragricola 2016', a Verona fino al 6 febbraio, e finanziato dal programma europeo LIFE+ per la salvaguardia dell’ambiente che l’ENEA sta realizzando insieme all’azienda regionale Veneto Agricoltura.

La riduzione delle emissioni climalteranti in agricoltura è senza dubbio un problema rilevante. Questo settore, infatti, è tra i più sensibili ai cambiamenti climatici, specialmente nei Paesi in via di sviluppo, e allo stesso tempo vi contribuisce notevolmente rilasciando in atmosfera elevate quantità di gas serra. Secondo stime dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) attualmente la quota delle emissioni climalteranti attribuibili all’agricoltura è in aumento (pari a circa il 15%), superiore a quella dei trasporti e circa la metà di quella della produzione di energia.

Per ridurre quindi l'impatto delle tecniche di coltivazione sull'ambiente il progetto propone nello specifico due tecniche innovative: l’agricoltura di precisione e le pratiche di coltivazione conservativa. L’agricoltura di precisione consiste in una gestione agricola basata sull’osservazione per mezzo di nuove tecniche di misurazione e monitoraggio, che permette di  modulare l’uso di nutrienti, acqua e pesticidi secondo le specifiche esigenze delle colture e del suolo. Le pratiche di coltivazione conservativa sono invece basate su lavorazione a strisce, semina su sodo e minima lavorazione.

Per dimostrare la validità̀ e la sostenibilità di queste tecniche da un punto di vista produttivo, economico e ambientale sono in corso sperimentazioni su colture in rotazione e tecniche di coltivazione di mais, soia, colza e frumento tenero presso l’azienda pilota Vallevecchia di Veneto Agricoltura a Caorle (Venezia). I risultati saranno successivamente valutati per una possibile replicabilità su altri sistemi agricoli italiani ed europei.

Il progetto prevede inoltre di valutare il grado di conoscenza di queste nuove pratiche agricole da parte dei coltivatori e di realizzare attività̀ di divulgazione e formazione abbinate a nuovi strumenti informatici. In questo ambito l’ENEA svilupperà un software user friendly e open access per permettere agli agricoltori di calcolare i benefici in termini di consumi energetici, bilancio economico e riduzione delle emissioni, derivanti dall’introduzione di tecniche più green di coltivazione.

“L’ENEA – spiega il ricercatore Nicola Colonna - sta portando avanti azioni di comunicazione e di diffusione dei risultati in particolare nelle aree agricole italiane considerate più adatte per l’applicazione delle tecniche di agricoltura di precisione. Una realtà in forte ascesa che mira all’applicazione variabile degli input in base all’effettiva esigenza della coltura e alle proprietà chimico-fisiche e biologiche del suolo e che si basa sulla possibilità di dotare le macchine agricole di sistemi – come quelli di guida automatica che utilizzano mappe di prescrizione georeferenziate - in grado di modificare le  modalità operative in relazione ad esempio alle caratteristiche del suolo”.