Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Aziende agricole in Veneto, incentivi anche per amianto e rinnovabili

In Veneto un bando per incentivare gli investimenti per migliorare prestazioni e sostenibilità dell’azienda agricola, inclusi interventi di sostituzione amianto e fonti rinnovabili a uso esclusivo dell'azienda. L’importo è di 9.500.000 € in zona montana e di 28.500.000 € in altre zone. Scadenza: 7 aprile 2016.

La Giunta regionale con deliberazione n. 1937 del 23/12/2015 ha aperto i termini di presentazione delle domande di contributo per alcune Misure del Programma di Sviluppo Rurale 2014 – 2020. Per le rinnovabili nelle aziende agricole il bando (vedi sotto) è all’interno delle misure della Sezione Competitività Sistemi Agroalimentari per gli Interventi 4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda. L’importo a disposizione di 9.500.000 € in zona montana e di 28.500.000  in altre zone. La scadenza è il 7 aprile 2016.

Obiettivo

Realizzazione di interventi per consolidare i livelli di competitività delle aziende agricole nel mercato globale promuovendo l'innovazione, armonizzando i guadagni economici alla dimensione ambientale anche attraverso l'introduzione di tecnologie ecologicamente sostenibili, e favorendo il mantenimento e la creazione di nuove opportunità di lavoro nelle zone rurali. Tra questi obiettivi è esplicitamente indicato quello di favorire l’approvvigionamento di energia per autoconsumo.

Interventi ammissibili

Oltre a tutta una serie di interventi ammissibili (miglioramento fondiario, costruzione  e ristrutturazione di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento, commercializzazione dei prodotti aziendali e per ricovero macchine/attrezzature, acquisto macchine, ecc.), qui ricordiamo gli investimenti per l'eliminazione e la sostituzione dell'amianto e quelli per la produzione di energia, a esclusivo uso aziendale, a partire da: fonti agro-forestali, fonti rinnovabili (solare termico, fotovoltaico, eolico, geotermico), reflui provenienti dall’attività aziendale.

Le agevolazione

Le agevolazione a fondo perduto vanno dal 40 al 60%. L’importo massimo ammesso a finanziamento è pari a: 600.000 €/impresa, nell’arco di quattro anni, a decorrere dal 1 gennaio 2014; di 1.200.000 €, nell’arco di quattro anni, a decorrere dal 1 gennaio 2014, nel caso di cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e/o allevamento di animali.

L’importo minimo di spesa ammissibile per domanda è pari a 8.000 € nelle zone montane e a 15.000 € nelle altre zone. Indipendentemente dalla zona, l'importo minimo di spesa ammissibile è aumentato a 25.000 € per le imprese.

Bando – Misura 4.1.1 (pdf)