Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Petrolio italiano, i No Triv bocciano gli emendamenti del Governo

Le modifiche proposte dall’Esecutivo secondo i No Triv dissimulano in modo subdolo il rilancio delle attività petrolifere in terraferma e in mare e persino entro le 12 miglia marine, eludendo con ciò gran parte degli obiettivi del referendum.

“Un autentico inganno”, così il Coordinamento No Triv bolla gli emendamenti presentati dal Governo alla legge di Stabilità 2016, che – si sottolinea in un comunicato - ricalcano solo apparentemente i quesiti referendari.

Pubblichiamo il comunicato del Coordinamento nazionale No Triv e, in allegato in basso, una nota tecnica redatta dal costituzionalista Enzo di Salvatore, tra i fondatori del Coordinamento.

"Le modifiche proposte dall’Esecutivo, tra abrogazioni e aggiunte normative, dissimulano in modo subdolo il rilancio delle attività petrolifere in terraferma e in mare e persino entro le 12 miglia marine, eludendo con ciò gran parte degli obiettivi del referendum No Triv. Tradito ne è lo spirito complessivo.

I passaggi normativi del disegno governativo sono riassunti nella abolizione del “piano delle aree” (strumento di razionalizzazione delle attività Oil & Gas) e nella previsione per cui si fanno salvi tutti i procedimenti collegati a “titoli abilitativi già rilasciati” all’entrata in vigore della legge di stabilità 2016 "per la durata di vita utile del giacimento".

Un mix esplosivo, che avrebbe effetti devastanti sul referendum e sul futuro dei mari italiani, atteso che l'obiettivo principale del Governo è mantenere in vita e a tempo indeterminato tutti i procedimenti attualmente in corso entro le 12 miglia marine. La soppressione del “piano delle aree”costituisce, poi, il vero “cavallo di Troia” del Governo: il Coordinamento Nazionale No Triv lo aveva già evidenziato domenica 13 dicembre, formulando per l'occasione alcuni sub-emendamenti volti a correggere le proposte dell'Esecutivo. Emendamenti che, tuttavia, sono stati bocciati alla Camera dei deputati in Commissione Bilancio.

Nulla è negoziabile rispetto all’obiettivo dei quesiti: non lo è il “piano delle aree”, in quanto strumento di razionalizzazione delle attività di ricerca ed estrazione degli idrocarburi; non lo è lo sfruttamento a tempo indeterminato dei giacimenti; non lo è la possibilità che i procedimenti entro le 12 miglia marine siano solo sospesi e non chiusi definitivamente; non lo è neppure l'istituzione di un doppio regime di titoli (permessi di ricerca e concessioni di coltivazione/titoli concessori unici) che consentono a discrezione delle società petrolifere di scegliere a proprio piacimento in che modo esercitare le attività petrolifere nel nostro Paese.

Il Coordinamento Nazionale No Triv è stato da sempre chiaro sul punto. Delle due l'una: o con le modifiche si accolgono tutti i quesiti referendari senza tradirne lo spirito o si va a referendum. Nessuno è autorizzato a mediare rispetto a questa alternativa, cercando un punto di incontro e accontentando, con un compromesso al ribasso, le Regioni e i loro delegati, attraverso la facile promessa di un maggiore loro coinvolgimento nelle scelte che in materia lo Stato effettuerà d'ora in avanti. Una promessa del tutto evanescente, destinata ad essere tradita dopo le elezioni amministrative del prossimo anno e dopo il referendum sulla revisione costituzionale, che com'è noto, riconduce nelle mani esclusive dello Stato ogni scelta in fatto di energia.

Gli emendamenti proposti dal Governo costituiscono un autentico atto di sabotaggio e uno schiaffo alla democrazia nel nostro Paese. Per questo chiediamo ai delegati delle Regioni di rispettare il mandato ricevuto loro dai rispettivi Consigli e a alle cittadine e ai cittadini italiani che hanno a cuore la proposta del referendum di percorrere assieme a noi e fino in fondo la strada referendaria."

La nota tecnica del professor Enzo Salvatore (pdf)