Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Leader mondiali a New York per obiettivi 2030 su sviluppo sostenibile

Da oggi fino al 27 settembre i 193 Stati membri dell'ONU si riuniscono a New York per discutere e approvare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile al 2030. Le proposte del WWF in un comunicato dell'associazione ambientalista.

Si è riunito oggi, 25 settembre, e resterà operativo a New York fino a domenica 27 settembre il più grande vertice mai indetto dai leader mondiali per discutere e approvare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, OSS o Sustainable Development Goals (SDGs). Si tratta di una serie di 17 obiettivi e 169 target associati, che succedono agli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (Millennium Development Goals – MDGs) approvati dalle Nazioni Unite nel 2000 per il periodo 2000 - 2015. Tutti i 193 Stati membri dell'ONU sono formalmente d'accordo su quella che dovrà essere l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Gli OSS focalizzano l'attenzione sulle cause profonde della povertà, la disuguaglianza e il degrado ambientale e non solo sui sintomi. Quindi prevedono impegni per garantire cibo, energia e sicurezza idrica a tutti; per  creare una filiera di produzione e di consumo sostenibili; per proteggere la biodiversità; per costruire città verdi. A differenza degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio delle Nazioni Unite, questi obiettivi si rivolgono a tutti i Paesi e tutti hanno ora responsabilità nel quadro del nuovo piano.

Il piano di sviluppo di 15 anni indirizzerà miliardi di dollari di finanziamenti, pubblici e privati, ma l’obiettivo sarà distribuirli in modo intelligente. Il piano cercherà di spostare le risorse da pratiche inutili e dannose – a cominciare dai sussidi ai combustibili fossili - e spostarle verso politiche sostenibili che non distruggano l'ambiente e garantiscano invece una migliore qualità della vita. Secondo questa agenda tutte le nazioni sono tenute a fornire piani di sviluppo, e cambiamenti nelle pratiche amministrative per garantire le misure di finanziamento e di investimento.

L'ONU stima che la popolazione mondiale crescerà fino a 8,5 miliardi entro il 2030, momento in cui il piano di sviluppo sostenibile dovrebbe attivarsi. Per avere buone possibilità di successo, i Paesi devono quindi muoversi rapidamente per attuare il Piano, appena questo sia stato approvato. Il WWF si aspetta che tutti i Paesi mettano lo stesso livello di impegno per realizzare gli obiettivi, dopo aver fatto un buon lavoro per il raggiungimento dell'accordo iniziale. "Ma l'Unione europea è pronta a passare dalle parole ai fatti?", si chiede l'associazione in una nota stampa.

Di seguito alcune delle richieste del WWF all'Unione europea:

  • un coinvolgimento attivo del vicepresidente Frans Timmermans, che ha ricevuto il mandato sullo sviluppo sostenibile, per trasformare i nuovi obiettivi globali in realtà, garantendo che tutte le politiche di sostegno non compromettano l'obiettivo integrato dello sviluppo sostenibile. Insieme a centinaia di organizzazioni provenienti da tutta Europa e da molti settori diversi, il WWF ha scritto al vicepresidente Frans Timmermans chiedendogli di dar prova di leadership nel trasformare l'ambizione degli obiettivi  in una realtà nell'UE (Leggi qui la lettera).
  • Una strategia ambiziosa di lungo termine da parte della Commissione Europea per attuare gli obiettivi e i target adottati a New York, in consultazione con le parti interessate, tra cui la società civile.
  • Un pacchetto completo di economia circolare, di vasta portata per il conseguimento degli obiettivi in particolare per quanto riguarda i temi del consumo e delle produzione sostenibili.
  • L’allocazione delle risorse - pubbliche e private, nazionali e internazionali - da fare in un modo diverso e più efficace per eliminare le spese che attualmente promuovono lo sviluppo non sostenibile all'interno e all'esterno dell'UE. Ad esempio, in tutta l'Unione europea, la scala di sussidi ai combustibili fossili -  € 60 miliardi di 2011 - è di sei volte il livello di finanziamenti pubblici per il clima, € 9,5 miliardi impegnati nel 2013 dall'UE.
  • La coerenza delle politiche UE per lo sviluppo sostenibile: le politiche dell'UE in settori quali il commercio, l'agricoltura, l'energia e gli investimenti, che incidono negativamente sulle persone e l'ambiente nei Paesi in via di sviluppo, hanno bisogno di essere modificate in funzione del perseguimento reale degli OSS. Quasi il 40% del bilancio dell'UE è dedicato all'agricoltura, con l'allevamento industriale come settore principale. Attualmente i sussidi all'agricoltura contribuiscono in gran parte a pratiche dannose per l'ambiente e all'aumento dei costi con l’ inquinamento agricolo. Si calcola che il degrado del suolo agricolo nella UE costi 38 miliardi di euro all'anno e l'eccesso di azoto in acqua abbia un valore di 320 miliardi all'anno, l'agricoltura è responsabile della metà. L'UE dovrebbe assicurare la piena coerenza delle sovvenzioni della Politica Agricola Comune con le politiche ambientali dell'UE e degli obiettivi di sviluppo sostenibile.
  • L’adozione di importanti criteri di responsabilità sociale di impresa per le imprese europee che operano all'interno e all'esterno dell'Unione europea: le attività delle imprese dell'UE all'estero, tra cui gli investimenti nelle industrie estrattive come la registrazione, l'estrazione mineraria e la pesca dovrebbero essere coerenti con i criteri di sostenibilità.