Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Fotovoltaico, come cambierà la convenienza con la riforma delle tariffe elettriche

La riforma delle tariffe elettriche dei clienti domestici, che eliminerà la struttura progressiva, diminuirà il risparmio ottenibile con il fotovoltaico e renderà meno care le bollette per chi consuma di più. Per la maggioranza dei prosumer con impianto FV il danno economico sarà consistente, mentre in alcuni casi i conti potrebbero migliorare leggermente.

Fine della tariffa progressiva - e dunque kWh in bolletta più caro per chi consuma meno - e meno oneri sulla componente variabile: con il nuovo Documento di consultazione pubblicato nei giorni scorsi dall'Autorità per l'Energia si inizia ad avere un'idea più precisa su come cambieranno le tariffe elettriche per i clienti domestici.

La riforma è work in progress e la sua versione definitiva è prevista per novembre. Sarà applicata con cambiamenti graduali, per essere completata, a seconda delle diverse tempistiche proposte, tra il 2016 e il 2018. Possiamo però già capire l'impatto che avrà sui conti di chi si produce l'energia da solo, ad esempio con il fotovoltaico sul tetto: in generale chi autoconsuma andrà a rimetterci rispetto ad oggi, ma in alcuni casi, quelli in cui i prelievi dalla rete restano alti, potrà guadagnarci, anche se di poco.

Ad esempio un utente residente con tariffa D2 che ha consumi medi – 3.400 kWh/anno dei quali 2.200 prelevati dalla rete e il resto ottenuti dal FV – vedrà il risparmio ottenibile dal fotovoltaico ridotto di oltre 100 euro all'anno, cioè quasi dimezzato. Chi ha comunque consumi elevati e attualmente paga l'elettricità cara, perché non residente o con potenza impegnata maggiore di 3 kW (tariffa D3), sarà invece leggermente avvantaggiato: ipotizzando che consumi 4.200 kWh/anno di cui 3.000 prelevati dalla rete, vedrà il risparmio crescere di circa 40 euro.

A mostrarlo è l'analisi che la stessa Autorità ha compiuto (si veda da pag. 56 - appendice D del dco) a partire dai dati GSE sui consumi degli utenti con scambio sul posto e impianto fotovoltaico (al 2013): un campione di poco più di 300mila utenti, dei quali circa il 40% (dato però molto superiore alla media nazionale) oggi paga l'elettricità con tariffa D3 (potenza impegnata >3 kW o, caso meno probabile, perché non residente), e che per la stragrande maggioranza ha impianti FV sotto ai 6 kW di picco.

Per tutti questi utenti l’eliminazione della progressività comporta inevitabilmente una riduzione del beneficio economico ottenibile grazie all'autoproduzione di parte del proprio fabbisogno di energia elettrica, cioè autoconsumando. Con la futura tariffa flat, infatti, i consumi oltre a una certa soglia sono meno cari rispetto all'attuale struttura tariffaria progressiva: il risparmio che si ha tagliando il prelievo dalla rete grazie all'autoproduzione da FV dunque è minore.

D'altra parte, l'eliminazione della progressività fa calare la spesa, rispetto alla bolletta attuale, per chi ha consumi elevati: questi utenti, pur vedendo come gli altri calare il risparmio ottenuto con il FV, a livello complessivo possono avere comunque un piccolo beneficio economico dalla riforma. I grafici, tratti dalle simulazioni fatte nel dco, spiegano quel che potrebbe accadere in diversi casi.

Qui sotto, ad esempio, vediamo come cambiano i conti per un cliente domestico residente con potenza impegnata pari a 3 kW (tariffa D2) che grazie all’autoconsumo da fotovoltaico (pari al 35% dei consumi) riesce a ridurre i prelievi dalla rete da 3.400 a 2.200 kWh/anno.

Nella colonna D2 la struttura tariffaria attuale, mentre TD è la nuova tariffa che il Regolatore propone nel più recente documento di consultazione; le altre (T0, T1, T2) sono ipotesi di riforma che erano state delineate nel primo dco.

Spieghiamo il grafico. Come si vede, per questo utente, con consumi medio-bassi, la combinazione tra il fatto che l'eliminazione della progressività renderebbe più cara la sua bolletta e che la stessa va a ridurre il risparmio che ottiene con il FV, ha un impatto decisamente pesante: il primo fattore (colonna rosa) rende la sua bolletta più cara di circa 50 €; il secondo riduce di oltre 100 € il risparmio da FV (colonna grigia). Quindi nel complesso (linea blu) l'effetto combinato della riforma in questo caso peggiora i conti dell'utente per circa 170 euro l'anno rispetto alla situazione attuale.

Le cose vanno un po' meglio, almeno in proporzione, ma sempre in ampia perdita rispetto ad oggi, per un prosumer residente, con consumi più alti, e per il quale, grazie all’autoconsumo (qui del 41%), i prelievi scendono da 5.000 a 2.900 kWh/anno:

La riforma risulterebbe invece leggermente più conveniente, o almeno non dannosa per chi ha consumi alti e attualmente paga la tariffa D3, riservata a chi ha potenza impegnata >3 kW o non è residente (ripetiamo: circa il 40% dei prosumer censiti dal campione).

Qui sotto i risultati della simulazione per un utente con potenza impegnata di 6 kW, ora in tariffa D3, che grazie all’autoconsumo (30%) da fotovoltaico riduce i suoi prelievi a 3.000 kWh/anno su un consumo totale di 4.200:

Come si vede in questo caso i conti migliorano leggermente, soprattutto perché la tariffa flat rende meno costosi i consumi alti, oggi in D3.

Stesso discorso per l'ultimo dei quattro utenti ipotetici, sempre in D3, e per il quale grazie all’autoconsumo gli elevati prelievi scendono da 7.100 a 4.100 kWh/anno (autoconsumo al 41%):

:

Insomma, per certi utenti che hanno un impianto fotovoltaico (circa il 40% della quota censita) l'impatto della riforma tariffaria sarà trascurabile, ma per la maggioranza sarà molto penalizzante.





Commenti

Riassumendo

L'Autorità dice: "se sei ricco e consumi, non conviene investire in autoproduzione, tanto la gran parte del valore dell'autoconsumo te la regalo con un risparmio in bolletta equivalente, che poi recupero da utenze con bassi consumi, poveri e da chi ha investito in risparmio energetico".

Ci si illudeva che almeno gli impianti domestici fino a 20kW, dopo tagli agli incentivi e tasse sull'autoconsumo, si salvassero dai boicottaggi governativi. A questo punto, democraticamente, tutta la gamma d'impianti FV ha ricevuto il colpo di grazia.

Si elimina PER LEGGE la concorrenza della generazione elettrica distribuita (i piccoli) rispetto alla centralizzata (i grandi)...così il valore in borsa delle utilities decolla.

Buon carbone a tutti...

NON HO CAPITO BENE?

Oh, magari non ho capito niente di questa bella riforma, ma mi ricorda la raccolta punti del supermercato.
Lasciamo stare per un momento le questione economiche e politiche del fotovoltaico: stanno penalizzando l'utente persimonioso? Più spendiamo meno ci costa (in proporzione ovviamente)?
Quindi ci costerà meno 1kWh purchè ne consumiamo molti?
Com'è che mi sembra una presa per i fondelli?

Non so se si voglia fare una

Non so se si voglia fare una lotta al fotovoltaico, ma credo e ritengo sia giusto ripartire in maniera più equa i costi di rete e gli oneri di sistema per tutta la popolazione. L'installazione di impianti per autoproduzione o addirittura accumuli domestici (di cui ci sarebbe tanto da discutere in termini di danno ambientale) non esclude la partecipazione alla contribuzione di altri costi "comuni". Semmai sarebbe più utile parlare di come ridurre "a vantaggio di tutti" le voci di costo oggi presenti in bolletta e non di come ripartirli.
Se domani tutti facessero l'impianto fotovoltaico in SSP, la messa in sicurezza delle centrali nucleari dismesse o il sostegno alla ricerca nel settore elettrico, chi li mantiene se tutti pretendono di essere esentati?

Lotta dura contro il PV

Un'altra spallata al PV. Non sanno più come fermarlo.

In un contesto "normale" e non affetto dalla presenza più o meno occulta delle lobby, si sarebbe introdotta una triffa non progressiva IN ALTERNATIVA a quella attuale, al pari della triffa sperimentale D1 per le pdc. Poi, in questo ipotetico contesto molteplice e più libero, ognuno avrebbe potuto scegliere la tariffa conveniente alla propria situazione.

Sono curioso di vedere tra un paio d'anni cosa si inventeranno contro il dilagare del PV con l'accumulo.

Temo che nell'analiis manchi

Temo che nell'analiis manchi un elemento.

La convenienza del FV in SSP non è data dolo dall'autoconsumo..anzi..è a volte meno importante del valore dello SCAMBIO vero e proprio, cioè del fatto che oggi gli oneri di rete e sistema sono pagati dall'utente ma poi rimborsati dal GSe per la parte di energia scambiata.
Il rimborso però riguarda solo gli oneri pagati in cts. di euro al kwh e NON quelli pagati sul fisso. Per cui traslando in parte il costo sul fisso il rimborso dello SSP cala di importo..

Mi pare tale aspetto non sia preso in considerazione nell'articolo, e quindi anche per chi è un D3 con consumi elevati, la situazione netta non resta quasi invariata, ma peggiorà.