Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Cop 20 di Lima: "Un timido passo verso Parigi"

Alcuni segnali positivi di ascolto tra Paesi industrializzati e in via di sviluppo. Ma restano da definire numerosi e importanti punti, come la natura legale vincolante o meno del nuovo accordo. La strada per Parigi sarà faticosa e in salita, ma percorribile. L'analisi di Italian Climate Network e il testo uscito dal Cop 20 di Lima sui cambiamenti climatici.

Si è conclusa alle ore 1.25 di sabato notte una intensa e drammatica sessione plenaria della XX Conferenza delle Parti (COP20) sui cambiamenti climatici a Lima. Dopo ore febbrili, in cui sono affiorati gli spettri di Copenaghen e di un possibile fallimento dei negoziati, i Paesi hanno trovato un accordo su un testo di compromesso tra le richieste dei Paesi in via di sviluppo e industrializzati (allegato in basso).

Il nuovo accordo è stato chiamato "Lima Call for Climate Action", e tiene conto delle peculiarità e delle difficoltà dei singoli Stati nell'affrontare la crisi climatica e non mina il percorso negoziale verso il traguardo fissato per Parigi 2015, quando in una nuova Conferenza si auspica di arrivare a un nuovo trattato internazionale sulla riduzione delle emissioni di gas serra. 

"A Lima si poteva ottenere di più, ma volendo guardare alla parte del bicchiere mezzo pieno il nuovo accordo permette di continuare a lavorare sui binari tracciati verso Parigi", dichiara Veronica Caciagli Presidente di Italian Climate Network. "In particolare ci sono stati alcuni segnali positivi di ascolto tra Paesi industrializzati e in via di sviluppo. Mancano invece da definire numerosi e importanti punti, come la natura legale vincolante o meno del nuovo accordo. Certo, la strada per Parigi sarà faticosa e in salita, ma percorribile". 

Le prossime sessioni intermedie dei negoziati di Ginevra a febbraio e Bonn a giugno - si legge in una nota di ICN -  tracceranno insieme al Climate Summit di settembre il quadro verso Parigi: l'ambizione e la lungimiranza anche nei confronti delle future generazioni saranno elementi prioritari che dovranno essere presi in considerazione all'interno del nuovo accordo globale e a cui Italian Climate Network non farà mancare attenzione e sensibilizzazione in vista dell'importante traguardo di Parigi.

Il testo uscito dalla Cop 20 di Lima (pdf)