Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Appello delle associazioni ambientaliste a Juncker: "A rischio decenni di politiche ambientali"

Domani, 16 dicembre, la Commissione Europea potrebbe decidere di cancellare dal suo programma le nuove direttive sulla qualità dell'aria e sull'economia circolare. Un enorme passo indietro che metterebbe a rischio i risultati di anni di politiche ambientali. L'appello delle associazioni ambientaliste.

Alla vigilia della riunione della Commissione Europea Legambiente e Kyoto Club, insieme a decine di associazioni ambientaliste, rivolgono un appello al Presidente Jean-Claude Juncker, chiedendo di "non vanificare anni di politiche ambientali".

Il 16 dicembre, infatti, la Commissione guidata potrebbe decidere di cancellare dal suo programma le nuove direttive sulla qualità dell'aria (che dovrebbero fissare limiti più stringenti per emissioni nocive come anidride solforosa, particolato e ossidi d'azoto) e la disposizione sull'economia circolare, che impone un 'giro di vite' sugli obiettivi di riciclaggio dei rifiuti (70% per quelli municipali e 80% per quelli da imballaggi entro il 2030), vietando anche di gettare in discarica qualunque materiale riciclabile. La cancellazione di queste disposizione rappresenterebbe un enorme passo indietro rispetto a decenni di politiche ambientali.

"Legambiente e Kyoto Club, insieme a decine di associazioni ambientaliste europee - si legge nella nota stampa - rivolgono un fermo appello a Juncker e ritengono indispensabile una mobilitazione di tutti gli attori economici e della società civile affinché nella riunione di domani, martedì 16 dicembre, la Commissione europea non elimini dal suo programma di lavoro né il piano sulla qualità dell'aria, fondamentale per la salute dei cittadini, né quello per l’economia circolare, decisivo per l'ambiente ma anche per un rilancio economico".

"Juncker vorrebbe usare la scusa che non ci sarebbe unanimità tra gli Stati nel perseguimento degli obiettivi - dichiara Stefano Ciafani, Vicepresidente Legambiente - ma non è vero e anzi 11 paesi membri tra cui il nostro, ma anche Germania e Francia, gli hanno scritto per evitare questa clamorosa e dannosissima marcia indietro".

"Evidentemente sono le lobby più conservative a spingere in una direzione contraria allo sviluppo di una reale politica economica in grado di permettere il raggiungimento degli obiettivi industriali in linea con i target ambientali", sottolinea Gianni Silvestrini, direttore scientifico di Kyoto Club.

"Se rinunciare a regole stringenti sulla qualità dell'aria significa con tutta evidenza mettere in pericolo la vita di migliaia di cittadini, non adottare un piano per l’economia circolare è un suicidio economico", proseguono le associazioni secondo le quali quel piano potrebbe:

  • aumentare il riciclaggio, evitando la perdita di materie prime pregiate. (Secondo recenti statistiche, in Europa, usiamo 16 tonnellate di materiali vergini per persona all’anno, di cui 6 tonnellate diventano rifiuti. Nonostante sia migliorata la gestione dei rifiuti, una quantità significativa di potenziali "materie prime secondarie" quali metalli, legno, vetro, carta, plastica finiscono in discarica. Solo il 40% dei materiali viene riutilizzato o riciclato e in alcuni paesi oltre l'80% finisce ancora in discarica).
  • creare posti di lavoro e crescita economica. (Continuando a perseguire gli obiettivi già adottati, potrebbero essere creati 180.000 nuovi posti di lavoro; verrebbero adeguate le competenze dei lavoratori alle trasformazioni industriali e guidando quindi una transizione del mercato del lavoro, rafforzando la governance e creando i presupposti per iniziative di partnership pubblico-private).
  • dimostrare come nuovi modelli di business ed eco-design possano spingerci verso l’obiettivo rifiuti zero. (Tale modello può portare un risparmio netto per le imprese dell'UE fino a 600 miliardi di euro, ridurre la domanda in Europa e la dipendenza da costose risorse scarse reperite al di fuori del continente).




Commenti

@ Marco Tutto si può fare...

@ Marco

Tutto si può fare... ma secondo me bisogna rendersi bene conto dei limiti tecnologici e degli effetti sull'economia di ogni scelta. Chi non vorrebbe nelle nostre città aria con zero inquinanti, zero PM10 (derivanti da combustione) etc....
In molti casi può essere controproducente forzare eccessivamente la transizione... ad esempio i limiti di emissioni di CO2 previsti per le auto nel 2020 sono raggiungibili? Si, ma solo se obbligo le persone a girare in utilitarie che pesino meno di 900 kg... e quindi ci sarà un dietrofront anche in tal senso.

Questa commissione, sotto la

Questa commissione, sotto la spinta di lobby inquinanti, vuole farci tornare indietro di un paio di decenni. Ridurre le emissioni di anidride solforosa, particolato e ossidi d'azoto e aumentare riciclaggio dei rifiuti è burocrazia? Gb ma cosa stai dicendo? Fai il disinformatore di professione?

Non si vogliono fissare

Non si vogliono fissare 'limiti più stringenti per le emissioni nocive' come scrive l'articolo ma bensì fissare valori limite vincolanti per le concentrazioni massime consentite di determinati inquinanti nell'aria.... che è cosa ben diversa.

Il problema è che la concentrazione di inquinanti in una conca di aria stagnante come è la Pianura Padana anche a pari 'densità di fonti inquinanti' non potrà mai essere a livelli degli altri paesi europei.
Dobbiamo firmare un accordo vincolante e poi beccarci un blocco del traffico un giorno su due e mandare al macero tutte le auto non euro5? Per me va anche bene ma basta spiegarlo bene ai cittadini e poi farli scegliere, o comunque prendersi la responsabilità di fronte ai cittadini di tali scelte.