Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Conto Termico, le novità introdotte dal decreto Efficienza Energetica

Tutti i soggetti privati potranno accedere ai benefici: anche Onlus, Parrocchie, Enti ecclesiastici e di culto in genere. L'incentivo non potrà superare il 65% della spesa sostenuta. Le novità introdotte non saranno applicate nella valutazione delle richieste inviate prima del 19 luglio 2014.

Con l'entrata in vigore del D.Lgs n. 102/2014, che attua la direttiva europea sull'efficienza energetica 2012/27/UE sono state introdotte alcune modifiche anche al cosiddetto Conto Termico, regolato dal D.M. 28/12/2012. Lo comunica il GSE, segnalando in particolare che tutti i soggetti privati potranno accedere ai benefici del Conto Termico, per gli interventi di cui all’art. 4 comma 2 del Decreto, indipendentemente dal fatto di essere titolari di redditi d’impresa o agrari. Nel nuovo perimetro dei soggetti ammessi sono compresi, pertanto, anche Onlus, Parrocchie, Enti ecclesiastici e di culto in genere (vedi aggiornamento FAQ > Conto Termico A) 4).

Si segnala inoltre che l’incentivo erogato ai sensi del D.M. 28/12/2012 non potrà eccedere il limite del 65% delle spese sostenute, comprensive di IVA - dove essa costituisce un costo - e attestate tramite fatture e bonifici. Qualora l’ammontare dell’incentivo superi il limite introdotto, questo verrà ricalcolato dal GSE in sede di istruttoria tecnico-amministrativa.

Si precisa che le novità introdotte dal D.Lgs. 102/2014 non saranno applicate nella valutazione delle richieste di incentivo inviate al GSE prima del 19 luglio 2014, che saranno invece valutate in considerazione di quanto stabilito dal D.M. 28/12/2012 e dalle relative Regole Applicative del GSE.

facebook

Commenti

massimale del 65% della spesa (conto termico...)

questo è l'articolo infilato come una supposta per far passare la voglia chi voleva installare il termico ,

Perchè questa supposta ? qualcuno della redazione riesce a spiegarlo ?

Abbiamo una valanga di politici attenti come quelli che hanno fatto

gli emendamenti per ottenere lo scambio sul posto fino ai 500 kW e

niente oneri sotto i 20 kW nel FV.

Sul termico dopo tante attese di anni per avere il decreto, finalmente a dicembre 2012 nasce e subito una variante non da poco .

Ammesso che ci sia un tetto per gli incentivi, ma possibile che non si distingua tra una tecnologia consolidata che ha raggiunto il suo prezzo industriale ed invece quello cheè innovazione tecnologica ?

La finiamo come per il CPV morto in grembo ......tecnologia da
sepellire

Ora con gli specchi ecchi che sono recentissimi anzia non hanno ancora iniziato a produrli .... cos' facendo gli facciamo smettere subito , e gli comptriamo dai cinesi fra un anno a basso costo....

Possibile che negli incentivi non si possa fare una distinzione tra tecnologie NUOVE e MATURE .....

DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014 , n. 102
ART 7 Comma 6

c) «1 -bis . L’incentivo erogato ai sensi del presente

decreto non può eccedere, in nessun caso, il 65 per cento

delle spese sostenute, come dichiarate ai sensi dell’articolo

7, comma 6, lettera d) .»;

Egregio Silvestrini provi a dare un risposta dopo aver sentito i vari amici Ferrante , Realacci e via discorrendo....

Devo capire se è un mero errore ( non ci credo ) se è voluto e perchè ci sono dei tetti massimi alla % di incentivi ? Non si sono accorti ? gli incentivi erogati sino ad ora a mio sapere erano pochissimi ...!oppure ????

Massimo CHIP

limite del 65% dell'incentivo sulla spesa.....

E' vergognoso mettere questo paletto almeno per le tecnologie innovative quale il CSP , lineare parabolico, a disco, queste non sono neanche nate che già vengono fatte abortire come per il CPV fotovoltaico , dove chi ha deciso di scommettere in innovazione e dunque fare industria e dar lavoro ( parola desueta oramai ) prima di altri al mondo o con altri al mondo qui in italia si fanno morire sul nascere.
D'accordo magari limitare l'incentivo in % in funzione della spesa, ma in funzione della TECNOLOGIA installata , Quando si tratta di tecnologia matura ( solare piano per esempio capierei una bassa % ) ma quando si tratta di Disco , Fresnel, Parabolico , bisogna dare il tempo all'industria di produrre , pianificare e vendere per almeno 5 anni , non si puo' un anno prima mettere in pista un decreto e poi annientarlo con una "precisazione".....o meglio con un altro decreto SUPPOSTA,( Vedi FV quanto ci ha insegnato
Per le Banche c'è voluto un anno per presentare la tecnologia innovativa CSP ora che stavano per finanziarla (anzi già finanziata ) fanno retromarcia si spaventano , come si puo' pretendere un equity del cliente del 35% su un ipotesi di costo di 500.000,00 ?
finanzieranno il funerale ?

Cosa diciamo a quegli industriali Italiani che ancora non fanno Lobbie potente , restituite le fidejussioni in banca ed andate all'estero ,magari in Romania o in Francia , manderei in galera queste persone che per bosogno di soldi rubati da altri , si invetano i decreti o precisazioni " distruggi aziende" in galera andrebbero mandati come diceva per i più anziani in un programma di Arbore il Prof Marcelletti mi pare "in galera""in galera" per manifesta incapacità ed ignoranza grassa,grassa grassa di questi psudo tecnici /politici finanziari che scaldano una sedia e non hanno idea di cosa voglia dire fare industria , andare in campo e risolvere problemi veri... Ma Renzi la rottamazione
dove la sta facendo ? tra di Noi operatori mi pare ? siete d'accordo ?
Non c'è la facciamo più, il nostro retto non puo' sopportare tutto questo....

perchè hanno fatto questo ? per ignoranza ? per malafede ? e' sfuggita la considerazione che fra tecnologie innovative e vecchie tecnologie per quanto efficienti cìè una differenza che le prime devono essere ammortizzate le seconde lo sono da un pezzo per quanto nobili , No ??

Ma questo governo non doveva favorire l'innovazione ?

Stai sereno ...... che in italia con un decreto al giorno ti tolgono il lavoro di torno.......

Non ho sentito ancora qualcuno indignato ,------

Massimo CHIP

limite del 65% dell'incentivo sulla spesa.....

E' vergognoso mettere questo paletto almeno per le tecnologie innovative quale il CSP , lineare parabolico, a disco, queste non sono neanche nate che già vengono fatte abortire come per il CPV fotovoltaico , dove chi ha deciso di scommettere in innovazione e dunque fare industria e dar lavoro ( parola desueta oramai ) prima di altri al mondo o con altri al mondo qui in italia si fanno morire sul nascere.
F'accordo magari limitare l'incentivo % in funzione della spesa , ma quando si tratta di tecnologia matura ( solare piano per esempio ) ma quando si tratta di Disco , Fresnel, parabolico , bisogna dare il tempo all'industria di produrre e pianificare almeno 3 5 anni , non si puo' un anno prima mettere in pista un decreto e poi annientarlo con una "precisazione".....o con un altro decreto SUPPOSTA,
Per le Banche c'è voluto un anno per presentare la tecnologia CSP ora che stavano per finanziarla (anzi già finanziata ) fanno retromarcia si spaventano , come si puo' pretendere un equity del cliente del 35% su un ipotesi di costo di 500.000,00 ?

Non c'è la facciamo più, il nostro retto non puo' sopportare tutto questo....

perchè hanno fatto questo ? per ignoranza ? per malafede ? e' sfuggita la considerazione che fra tecnologie innovative e vecchie tecnologie per quanto efficienti cìè una differenza che le prime devono essere ammortizzate le seconde lo sono da un pezzo per quanto nobili , No ??

Ma questo governo non doveva favorire l'innovazione ?

Stai sereno ...... che in italia con un decreto al giorno ti tolgono il lavoro di torno.......

Non ho sentito ancora qualcuno indignato ,------

Massimo CHIP