Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Pompa di calore: quanto fa risparmiare e come scegliere l'incentivo giusto

Vale la pena di sostituire la caldaia a gas da pensionare con una pompa di calore elettrica? E, se decidiamo di farlo, quale incentivo è meglio scegliere: il conto termico o le detrazioni fiscali del 65%? Abbiamo fatto due conti per capirlo. Le nostre simulazioni di investimento per una soluzione che si rivela economicamente interessante.

E' arrivata l'ora di cambiare la vecchia caldaia a gas? Vale la pena di sostituirla con una pompa di calore? E, se decidiamo di farlo, quale incentivo scegliere: il conto termico o le detrazioni discali del 65% per l'efficienza energetica? Abbiamo fatto due conti per capirlo, scoprendo che la soluzione pompa di calore, pur comportando un investimento iniziale decisamente più impegnativo, è economicamente conveniente, specie nelle sue declinazioni tecnologiche meno costose e usufruendo delle detrazioni fiscali.

Lo si vede bene nelle simulazioni di investimento che abbiamo realizzato con la preziosa consulenza dell'ingegner Lorenzo Colasanti e dell'Energy & Strategy Group, il team di ricerca specializzato del Politecnico di Milano, che sulle pompe di calore e le altre tecnologie per l'efficienza energetica ha lavorato molto anche per preparare la nuova edizione dell'Energy Efficiency Report, che sarà presentato il 4 dicembre.

Abbiamo ipotizzato che la nostra utenza tipo - 4 persone che vivono in una villetta monofamiliare con prestazioni energetiche nella media - si trovi con una caldaia a fine vita.

A questo punto, per continuare a soddisfare i suoi fabbisogni di riscaldamento e acqua calda sanitaria ...







Commenti

Richiesta permesso comunale ?

Buongiorno,
mi trovo in fascia ambientale, vorrei sapere se per mettere una pompa di calore aria acqua in giardino (villetta isolata e recintata da siepe quindi la pompa non si vede dall'esterno), occorre presentare domanda all'ufficio tecnico privati del comune.
Grazie

Precisazioni

Si è vero che il COP varia tanto e tende a diminuire molto,ma se tari (e ti è permesso) la pompa con un'impianto FV di dimensione adeguata,riesci a sfruttare a pieno l'autoconsumo (adesso sono al 65%,ma conto di arrivare al 90%) la spesa si tramuta in azzeramento delle bollette con ulteriore piccolo guadagno.
Il guadagno è piccolo,ma se si considera il risparmio cambia faccia.....è la casa risulta a credito energetico,ovvero è più quella che si cede che quella che si assorbe

Numeri esagerati

Un COP di 4,5 per una aria/acqua ce l'hai solo con temperatura esterna a 7° e temperatura dell'acqua a 35° il che significa che in un impianto esistente che sostituisce una caldaia con rendimento 90%, con acqua a 35° gradi non scaldi nulla e quindi te lo scordi un COP del genere. Inoltre in zona cliamtica E il COP va a farsi benedire per via degli sbrinamenti continui nei mesi più freddi: di grazia se il valore medio stagionale SCOP arriva a 3. Per il costo dell'energia elettrica un valore di 0,2 euro/kWh è corretto solo con una fornitura elettrica dedicata per la pompa di calore. Il gas metano a 0,78 euro/mc è vero solo per la quota di consumi superiore a 440 mc/anno, al di sotto le imposte sono molto di meno e si arriva a 0,5 euro/mc. Mi sembra un articolo fatto un po' con i piedi.

IL RISPARMIO C'E'......

Il risparmio c'é...se utilizzi pompa di calore e basta è poco...come se utilizzi solo FV...se metti insieme pompa/FV/Solare termico/Sistemi che aiutano l'autoconsumo e per finire la mobilità elettrica (auto normale...Renaul Fluence)viene fuori dell'incredibile....mi stò rendendo conto piano piano!!
Ciao Alberto

pannello ad infrarossi

Sono d'accordo sull'articolo , ma non sul risparmio totale ...
Non so se qualcuno di voi ha mai sentito parlare di riscaldamento ad infrarossi, la nuova tecnologia in grado di scaldare ambienti , non muovendo polveri e quindi non creando allergie.
In Germania questo tipo di riscaldamento è già utilizzato da gran parte degli edifici pubblici, in Italia stiamo iniziando a conoscerla ....
Questo tipo di riscaldamento, non solo è in grado di far diminuire i consumi (partono da 250 Watt), ma addirittura vengono utilizzati per cure terapeutiche grazie alla loro capacità di ridurre l'umidità.
Maggiori informazioni le potrete trovare qua: http://www.trisun.it/portfolio-item/riscaldamento-3/
dove troverete anche una stima dei consumi ed altre informazioni sul risparmio energetico garantito da questa nuova tecnologia.

Cosa ne pensate?

RISCALDAMENTO AD INFRAROSSI

Sono d'accordo sull'articolo , ma non sul risparmio totale ...
Non so se qualcuno di voi ha mai sentito parlare di riscaldamento ad infrarossi, la nuova tecnologia in grado di scaldare ambienti , non muovendo polveri e quindi non creando allergie.
In Germania questo tipo di riscaldamento è già utilizzato da gran parte degli edifici pubblici, in Italia stiamo iniziando a conoscerla ....
Questo tipo di riscaldamento, non solo è in grado di far diminuire i consumi (partono da 250 Watt), ma addirittura vengono utilizzati per cure terapeutiche grazie alla loro capacità di ridurre l'umidità.
Maggiori informazioni le potrete trovare qua: http://www.trisun.it/portfolio-item/riscaldamento-3/
dove troverete anche una stima dei consumi ed altre informazioni sul risparmio energetico garantito da questa nuova tecnologia.

Cosa ne pensate?

E data la struttura

E data la struttura tariffaria obsoleta piuttosto che pagare il kWh marginale 38 centesimi di euro oggi come oggi conviene davvero installarsi un bell'impianto FV con SSP.

Condominio

Se sei in condominio ti conviene installare una pompa di calore aria/acqua

Confermo assolutamente da

Confermo assolutamente da stime molto accurate con vari sw di simulazione per la mia casa che, grazie alle detraizoni 65%, la pdc geotermica conviene di gran lunga rispetto sia al metano che ancor di pià su gpl e gasolio...

L'articolo non considera peraltro un aspetto molto importante: le sonde geotermiche hanno una vita attesa molto lunga (70-80 anni, sono solo stime non essendoci installazioni così antiche ovviamente) e quindi dopo 20-25 basterà cambiare la pdc e non anche le sonde (nel mio caso l'investimento su queste ultime è stato di 11k ivati per due sonde a 100 metri).

E questo è stato il motivo per cui ho preferito la pdc geo rispeto alla aria essendo a 800m slm in zona climatica E: grazie al maggior rendimento del geo, alla fine di vent'anni le due soluzioni geo e aria mi costano uguale, ma poi dopo i 20-25 anni dovrò ricomprare la sola pdc geo (cge peraltro costa meno della aria) e le sonde saranno ancora validissime....

Domande

Secondo me le stime sovrastimano di molto i guadagni. Lo so perchè una simulazione del genere la ho fatta per conto mio dato che prossimamente dovrò sostituire una caldaia a GPL, con scarsi risultati.
Non si considerano: necessita di installare una potenza contrattuale di 6KW con conseguente aumento dei costi dell'energia (0,30cent per tutta la fornitura, come ha detto giustamente GB)

La temperatura dell'acqua si mantiene costante durante tutto l'anno? Non sono esperto tecnico di pompe di calore, ma intuitivamente il COP scende abbastanza durante l'inverno e ho bisogno di più potenza per riscaldare... avendo visto le simulazioni mi pare si sia preso il valore costante per tutto l'anno. No?

@Enrico Eh si, ho dato

@Enrico

Eh si, ho dato sguardo veloce ma mi pare considerino forfetariamente 20 c€/kWh per l'energia elettrica... proprio poco.

Nel considerare il passaggio alla pompa di calore non bisogna solo considerare che il kWh lo si andrebbe a pagare mediamente 29 c€ ma che per il fatto di consumare di più (o di aver aumentato la potenza disponibile a 4,5 o 6 kW) ti auneta il prezzo di TUTTA la fornitura elettrica di 9 c€/kWh.

Mi spiego meglio con un esempio semplificato:
se da un consumo di 2700 kWh (costo medio fornitura 20 c€/kWh, totale 540 €/anno)
passo ad un consumo di 5400 kWh (costo medio fornitura 29 c€/kWh, totale 1566 €/anno)....

Quei 2700 kWh in più mi sono costati 38 c€/kWh.... 38 c€ per ogni kWh in più (!).

Ma fondamentalmente perchè sono fatte male le tariffe domestiche (la D2)e disincentivano ad un uso efficiente dell'energia elettrica.

Più o meno vale stesso discorso se si installa un contatore separato (con tariffa bassa tensione 'altri usi') per alimentare la pompa di calore.

costo elettricità

Io considererei un costo dell'elettricità di 0,25€/kw, che è lo scaglione da 2641 a 4440 (servizio tutela), è stato considerato l'aumento dei costi fissi in bolletta, per l'aumento della potenza impegnata, +70€/anno con 4,5kw +95€/anno con 6 kw. (spero di non aver sbagliato i conti)

E' necessario solo per la

E' necessario solo per la tipologia terreno/aria, che necessita di sonda geotermica.

Pompa di Calore

E se uno sta in condominio?
E' necessario perforare il sottosuolo?
Grazie.