Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

Detrazioni fiscali per l'efficienza in edilizia, il testo in Gazzetta

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 130 del 5 giugno 2013 il testo del decreto legge su detrazioni fiscali e recepimento della direttiva 31/2010, il n. 63/2013. Nessuna grossa novità rispetto alla versione uscita dal Consiglio dei Ministri. Nella detrazione del 65% resta compreso il solare termico, mentre sono escluse le pompe di calore.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 130 del 5 giugno 2013 il testo del decreto legge sulle detrazioni fiscali, il n. 63/2013 relativo alle Disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per il recepimento della direttiva 2010/31/UE in materia di prestazione energetica nell’edilizia (vedi link in basso).

Nessuna grossa modifica rispetto al testo uscito dal Consiglio dei Ministri di venerdì scorso. Viene confermata fino al 31 dicembre 2013 la detrazione del 65% per interventi di riqualificazione energetica degli edifici, mentre per interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio si potrà usufruire della detrazione fino a 30 giugno 2014.

Sciolto definitivamente anche il dubbio sulla parte impiantistica: la detrazione del 65% non coprirà più la sostituzione di scaldabagno tradizionali con impianti a pompa di calore, mentre comprenderà ancora il solare termico.

Per quanto riguarda la detrazione del 50% per le ristrutturazioni semplici la proroga sarà fino al 31 dicembre 2013. Le novità riguardano l’estensione del bonus fiscale anche ai lavori di adeguamento sismico degli edifici e l’introduzione del Bonus Mobili.

Nel decreto legge viene anche riscritto interamente l’art. 6 del d.lgs. 192/2005 con la nuova denominazione dell’ACE, attestato di certificazione energetica, in APE, attestato di prestazione energetica.

Il testo del decreto legge n. 63/2013 "Disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per il recepimento della direttiva 2010/31/UE in materia di prestazione energetica nell’edilizia".

 

Segui QualEnergia.it  anche su e