Skip to Content
| Segui QualEnergia.it su Facebook Twitter LinkedIn

La microcogenerazione a stormo e quel Totem dimenticato

Nell'era della smart grid la microcogenerazione potrebbe giocare un ruolo nuovo: lo mostra il progetto 'Schwarmstrom' di Volkswagen e LichtBlick. Una sorta di centrale a gas virtuale e diffusa, con 100mila microimpianti casalinghi che producono assieme calore ed elettricità. Come il vecchio Totem Fiat, abbandonato a inizio anni '80.

Metti un centinaio di migliaia di micro-centrali a gas, o ancor meglio a biogas, capaci di dare assieme calore ed elettricità in maniera super-efficiente. Collocale nelle cantine di altrettante case e condomini e rendile capaci di essere gestite in remoto, coordinandosi nella rete intelligente per dare energia in maniera flessibile, sostituendo la produzione centralizzata dei vecchi impianti e compensando la non programmabilità di eolico e fotovoltaico. Aggiungi che questi micro-cogeneratori sono progettati a partire da motori d'automobili e che vengono dunque realizzati da un'industria, quella dell'auto che ha urgente bisogno di reinventarsi.

Sembrerebbe una buona idea: dispiace che a realizzarla saranno i tedeschi di Volkswagen, mentre Fiat, che negli anni '70 era diversi passi avanti a tutti riguardo alla costruzione di micro-cogeneratori, sembra aver chiuso il futuro in un cassetto. Infatti, di fronte a un mercato dell'auto in flessione di oltre il 20%, Fiat risponde (oltre che con l'erosione dei diritti dei lavoratori) puntando ancora ostinatamente sull'auto e nemmeno nelle sue motorizzazioni più innovative come l'ibrido e l'elettrico, ma - come dichiarato recentemente dall'ad Marchionne - scommettendo sui veicoli di lusso.

La buona idea di cui stiamo parlando è quella che Volkswagen e l'operatore energetico LichtBlick hanno iniziato a mettere in pratica dal 2009 e che ora sta iniziando a entrare in una nuova fase: i 'ZuhauseKraftwerke' (“centrale elettrica a casa”), micro-cogeneratori a gas (che possono essere alimentati a biogas) basati sui motori del Caddy e della Touran, che si vogliono installare ad Amburgo in grandi quantità (100mila) per creare una sorta di centrale virtuale diffusa da 2.000 MW. Il futuro che la Fiat ha dimenticato nel cassetto è invece il 'Totem', il micro-cogeneratore basato sul motore 900 cc della 127 del quale Fiat, da metà anni '70 all' '85, ha prodotto circa 5mila esemplari, quasi tutti ancora in funzione. Una macchina da 15 kW ideale per essere alimentata anche con biogas e che trasformava il combustibile in energia e calore con un'efficienza altissima: del 92-93%.

Chissà se quando hanno abbandonato il progetto Totem, nel 1982, i vertici Fiat immaginavano che 30 anni dopo Volkswagen lo avrebbe ripreso in mano. Il ZuhauseKraftwerke infatti “è stato integralmente copiato dal nostro motore”, spiega a QualEnergia.it l'ingegner Francesco Paolo Ausiello, che ai tempi dirigeva il progetto Totem in Fiat. E ci elenca le innovazioni che lo sviluppo del cogeneratore aveva introdotto a fine anni '70, dalla prima accensione elettronica, a un inverter fatto realizzare appositamente all'MIT, fino ad un nuovo sistema di protezione in parallelo con la rete.

Ai tempi, ci racconta Ausiello, il Totem aveva avuto un discreto successo applicato nel settore ospedaliero e alberghiero e in paesi come Olanda e Germania (ma, va detto, si produsse molto meno rispetto a quanto previsto). In generale, ci spiega, un microcogeneratore è conveniente da installare dove c'è un fabbisogno di calore abbastanza alto e costante, ma trova una applicazione ideale anche in aziende agricole in cui ci sia produzione di biogas.

Oggi le potenzialità di un prodotto come il Totem sarebbero certo maggiori per una serie di motivi: le tecnologie impiegate per realizzarlo – ad esempio le centraline elettroniche e inverter – sono crollate di prezzo e migliorate in qualità, la liberalizzazione del mercato elettrico ha rimosso una serie di ostacoli che complicavano l'installazione e la vendita in rete dell'elettricità, sono stati introdotti incentivi all'elettricità prodotta da biogas e, infine, l'informatica e lo sviluppo di sistemi di gestione intelligente della rete e dell'energia ne consentono un uso ancora più efficiente.

Ed è proprio l'applicazione della microcogenerazione alla smart grid la parte innovativa del progetto di Volkswagen e LichtBlick: il loro ZuhauseKraftwerke è predisposto per essere integrato in una rete informatica e di recente hanno presentato un software, SchwarmDirigent, in grado di coordinare migliaia di micro-cogeneratori in base ai bisogni della rete e delle utenze domestiche presso cui sono installati. “Il software usa dati dai nostri sistemi di trading dell'elettricità, dal mercato elettrico spot e dal sistema di accumulo di calore di ogni singola unità per ottimizzare la produzione di energia”, spiega a QualEnergia.it, Ralph Kampwirth, portavoce di LichtBlick.

Al momento ci sono 700 microcogeneratori coordinati tramite il software, che controlla anche alcuni impianti eolici. Il progetto, battezzato SchwarmStrom, (cioè “energia dello stormo”) è di coordinare 100mila ZuhauseKraftwerke, creando in pratica una centrale a gas virtuale e diffusa da 2.000 MW di potenza.

Come si concretizzerà l'esperimento SchwarmStrom resta da vedere. Per ora si sono installati meno impianti del previsto ed è già cambiato il modello di business: inizialmente si prevedeva una sorta di leasing per cui, a fronte di un contributo per l'installazione di 5mila euro, LichtBlick si occupava di tutto e continuava a fornire energia al cliente, ora invece, ci spiega Kampwirth, si è passati a un modello di vendita normale, con un costo per unità di circa 28mila euro, forse un po' caro anche se la macchina, adatta al fabbisogno di un condominio o di una grande casa, fa risparmiare circa il 40% della spesa per luce e gas.

In ogni caso, è chiaro che nell'era della smart grid e della generazione diffusa la cogenerazione potrebbe giocare un ruolo nuovo. Avrebbe senso se anche la nostra Fiat riprendesse in mano il vecchio Totem, ovviamente aggiornato? Ausiello ne è convinto, l'azienda, interpellata ripetutamente, invece non ci ha risposto.





Commenti

"coordinare 100mila

"coordinare 100mila ZuhauseKraftwerke, creando in pratica una centrale a gas virtuale e diffusa da 2.000 MW di potenza."

L'uso improprio del termine "virtuale" non lo capisco proprio... "diffusa" ancora passi, ma di virtuale non c'e' nulla.

Ad ogni modo, quello che non sarebbe virtuale sono le emissioni, diffuse pure quelle... se si considera che invece della campagna/periferia dove di solito sono localizzate le centrali termoelettriche le emissioni di queste "centrali" avrebbero luogo in citta', direi che dal punto di vista ambientale e sanitario non sono certo un passo in avanti...

R.

Sono d'accordo con alsarago.

Sono d'accordo con alsarago. A sensazione mi sembra poco adatto su piccola scala, anzi potrebbe essere peggio di quanto va sostituire. Mentre è sicuramente applicabile in realtà di media grandezza in cui l'operatività giornaliera riesce a sfruttarlo al meglio.

Il Totem fu sfortunato: oltre

Il Totem fu sfortunato: oltre ai problemi ricordati nel servizio, venne reso troppo poco competitivo dal crollo dei prezzi del petrolio dai primi anni '80 in poi.
Oggi potrebbe avere un senso, ma resta quello che secondo me è il suo punto debole: un motore a scoppio produce 3 volte tanto calore quanta elettricità e, soprattutto nei climi nostrani, una famiglia, ma anche un condominio, non sanno che farsene, di tutta quell'acqua calda. Per non buttare via calore, e quindi gas, il suo funzionamento dovrebbe quindi essere tarato sulle necessità di produzione di acqua calda, riducendo di molto quella di elettricità che, invece, essendo molto più pregiata, è proprio quella che, soprattutto attraverso l'autoconsumo, serve a recuperare l'investimento.
Quindi i cogeneratori, a mio parere, non sono tanto adatti all'uso famigliare, quanto a strutture che usino molta acqua calda e molta elettricità contemporaneamente e continuamente: hotel, ospedali, fabbriche alimentari.
Queste ultime, usando gli scarti del processo per produrre biogas, potrebbero addirittura chiudere il cerchio...